Cod.Fisc.: 97238130823 | P.IVA – 06191360822 | Tel./Fax – 091217026 | Cell. +393209738593

Il progetto “Scuola Aperta”, che vede come ente capofila l’ I.C. Cruillas, è stato approvato dalla Regione Sicilia, Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro. Esso si rivolge agli alunni dell’Istituto Comprensivo Cruillas di Palermo, dell’Istituto Comprensivo G. Scelsa e Buonarroti di Palermo, con l’obiettivo di prevenire le dipendenze patologiche (alcol, fumo, ecc.)

Il progetto, nello specifico, ha proposto:

  • Sportello di ascolto sulle problematiche adolescenziali: sportello di informazione e ascolto gestito da uno psicologo, rivolto a tutti gli studenti e ai genitori.

  • Cooperative learning: percorso, promosso da uno Psicologo/Psicoterapeuta esperto sui temi riguardanti il consumo, l’uso e l’abuso di sostanze psicotrope e sulla prevenzione del fenomeno della tossicodipendenza, con la finalità di comprendere e rilevare le conoscenze possedute sulle sostanze psicoattive, la rappresentazione sociale che queste acquistano nel loro immaginario, l’analisi del vissuto adolescenziale rispetto all’ingresso nel mondo sociale, le motivazioni che spingono a farne uso.

  • Sito ufficiale: sono state avviate attività co-gestite con gli alunni per la costruzione di una web community e di un blog dedicato ai giovani in cui sarà possibile discutere delle specifiche problematiche relative al mondo degli adolescenti.

  • Laboratorio di Arti visive e fotografiche e Laboratorio Teatrale: i laboratori di arti visive e fotografiche e i laboratori teatrali sui temi riguardanti il consumo, l’uso e l’abuso di sostanze psicotrope e sulla prevenzione del fenomeno della tossicodipendenza, hanno avuto come punto di forza quello di usare metodiche innovative di insegnamento e prevenzione facendo ricorso a creatività ed immaginazione, valorizzando l’assetto gruppale, la capacità di ascolto e la fruizione dei mezzi mediatici. E’ stato possibile infatti attivare canali nuovi e diversamente efficaci per la prevenzione, i quali hanno permesso di dar voce ai ragazzi rispetto a problematiche che li riguardano direttamente.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *